festival cameristico internazionale
del capo di leuca 
2022

Il II Festival Cameristico internazionale del Capo di Leuca mira a consolidare il successo riscosso nel 2021 volendo rappresentare il momento della ripartenza e della rinascita culturale dell’ultimo lembo di terra di Puglia, quella bagnata da due mari, un tempo definito Capo Santa Maria.
Il rilevante successo della stagione scorsa ha portato i tanti turisti, che già hanno conosciuto la nostra forma di promozione del Salento, a richiedere insistentemente dettagli ed anteprime sulla nuova stagione. Segno evidente che il Festival è riuscito a valicare il consueto turismo solo balneare elevando la conoscenza del territorio dell’entroterra e dei piccoli centri del Capo di Leuca.  Il pregio della corposa iniziativa appare evidente già nella elaborazione progettuale della iniziativa che, forte dell’esperienza dello scorso anno, si sviluppa in forma itinerante trovando sede in particolari e suggestivi luoghi dei tredici borghi del Capo di Leuca interessati al Festival. Sotto questo aspetto va rimarcato che quest’anno cresce il territorio interessato da 9 a 13 Comuni e così anche il numero dei concerti, da 18 a 20, ed il bacino d’interesse. I Comuni interessati dall’evento sono pertanto Alessano, Andrano, Castrignano del Capo, Castro, Corsano, Gagliano del Capo, Presicce-Acquarica, Salve, Specchia, Taurisano, Taviano, Tiggiano e Tricase. L’occasione è propizia perché rappresenta sia per il territorio che per i giovani artisti che si alterneranno nelle venti rappresentazioni musicali l’opportunità di creare una brillante sinergia artistica e culturale in un territorio spesso abbandonato e privo di occasioni, portando la cultura musicale classica nei luoghi più suggestivi del Capo di Leuca, vicino alla comunità. Tra gli oltre cinquanta artisti protagonisti dei venti concerti, accanto ai blasonati ed affermati maestri, quali, tra gli altri, Andrea Manco (primo flauto del Teatro Alla Scala), Fabien Thouand (primo oboe del Teatro Alla Scala), Carlo Romano (già primo oboe dell’orchestra RAI), Leonardo Colafelice, Scipione Sangiovanni, Marco Piperno, Mariagrazia Lioy, figurano infatti, nuove realtà pronte a dimostrare il talento indiscusso che già hanno manifestato in altre occasioni. Anche quest’anno Eleusi ha fortemente voluto che oltre la metà dei musicisti fosse under 35, ma ciò non impedisce loro di presentarsi con competenza e capacità artistiche di grande spessore musicale. I curricula dei giovani musicisti, accanto a quelli più celebrati, compongono un quadro che rende particolarmente attraente il programma di questo Festival. Nei vari concerti si susseguiranno diverse formazioni cameristiche, come ad esempio il Duo Bartha-Sannicandro da Salisburgo, il Duo Trianni-Lioy, il Duo FourTe da Weimar, il Trio Felix per commemorare i 175 anni dalla scomparsa di Mendelssohn, il QuartettoGram da Terni, i Cameristi di Eleusi, i quali si esibiranno insieme a Carlo Romano, già primo oboe dell’orchestra RAI, e al clarinettista Fernando De Cesario, docente di Clarinetto presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari, fino all’Orchestra Salento Consort che, diretta da Andrea Crastolla, inaugurerà la nuova edizione della rassegna il 9 luglio.
È inoltre prevista, nell’ambito della rassegna, l’organizzazione di convegni e lectiones magistralesdi eminenti musicologi e studiosi di storia patria relativi ad importanti tematiche musicali e di cultura locale, sì da favorire la conoscenza degli utenti e la crescita professionale dei giovani artisti presenti sul territorio.
Da cornice ad ogni spettacolo saranno allestite mostre ed esposizioni pittoriche di artisti locali al fine di offrire anche in questo ulteriore contesto un collante tra artisti già affermati e autori meno noti al grande pubblico. 
Perché dunque un Festival per la Comunità? I borghi interessati dal Festival e l’insieme dei musicisti hanno subìto negli ultimi due anni la più mortificante delle imposizioni, rappresentata dal divieto assoluto, sia pure dovuto ad aspetti emergenziali, di espressione di libertà nelle sue forme più variegate: la libertà di stare insieme, di frequentazione, di socialità, di esibizione e di produzione artistica. Questo evento così distribuito in quasi due mesi permetterà sia al pubblico che agli artisti di ritrovarsi insieme per un armonioso arricchimento culturale e sociale. Il Festival pertanto vuol rappresentare un momento di rinascita sia per il territorio che per i musicisti che potranno godere di tale rinnovata libertà ed insieme contribuiranno ad una crescita consapevole della cultura nel Capo di Leuca. D’altra parte, il Festival, già affermatosi nell’edizione del 2021, vuole proseguire tale processo di consolidamento sì da potersi affermare come un tradizionale richiamo turistico, culturale, internazionale, promuovendo così il territorio salentino ma anche quello pugliese. Piace ricordare il rapporto intenso che il Salento ha con il Mar Mediterraneo e con i due mari dai quali è bagnato, l’Adriatico e lo Ionio. La vocazione dell’accoglienza e dell’abbraccio rimanda il pensiero alla figura mitologica di Enea che in fuga da Troia approda sulle coste del Capo di Leuca, segnatamente di Castro, uno dei comuni interessati dal progetto della rassegna, eleggendo tale approdo come base ideale per una ripartenza e per una rinascita. Il forte bisogno di ricominciare dopo la distruzione di Troia sembra quello della Comunità salentina, di quella pugliese ma anche di tutta l’Italia; ricominciare a vivere ed a crescere sotto tutti i profili con la stessa certezza dell’eroe troiano che da quell’approdo avrebbe poi dato vita allo splendore di Roma Antica.
Con questo spirito si pone l’iniziativa alla quale hanno offerto un notevole apporto i sindaci dei centri interessati dal ciclo dei concerti in programma e che hanno immediatamente condiviso entusiasticamente il progetto e le sue finalità, comprendendone l’importanza, soprattutto sotto il profilo della promozione turistica, territoriale, sociale, culturale ed artistica. Accanto ai Sindaci anche il Consiglio Regionale della Puglia, la Provincia di Lecce ed il Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce hanno accolto benevolmente il varo di questo evento, conferendo ad Eleusi APS, organizzatrice del Festival, il patrocinio ed il sostegno morale. Il Festival viene inoltre promosso da Turismo Verde (una data della rassegna si svolgerà, infatti, all’interno della Contrada Palane, presso l’Agriturismo Gli Ulivi di Tricase), dalla Basilica- Santuario S. Maria De Finibus Terrae di Leuca e dalla Fondazione Parco culturale ecclesiale “De Finibus Terrae”; Eleusi, in occasione di questa organizzazione, ha stretto delle collaborazioni con altre realtà: l’Associazione Parsifal di Mesagne (BR) che organizza il Festival “Musica sull’Appia” e l’Associazione Art 2020 di Berlino, che organizza il Festspiele Bregenzerwald; Media Partner del Festival saranno Radio Venere e Radio Peterpan. La direzione artistica dell’evento è legata all’ideatore della manifestazione e presidente di Eleusi APS, l’avvocato e Maestro Alessandro Licchetta. Il comitato artistico è composto dai maestri Lorenzo Baglivo, Alessandro Licchetta, Cristian Musìo e Andrea Sequestro. Direttore amministrativo della rassegna è il Dott. Luca Antonio Esposito.  

PRENOTA ORA IL TUO POSTO